Skip to content Skip to navigation

Road to normality... the end

Versione stampabilePDF version

Si è conclusa domenica 3 maggio, dopo circa un mese, l’appassionante Road to Normality, una sfida di classe, proposta dal Dipartimento di Scienze motorie del nostro Liceo.
Durante questo periodo in cui le attività didattiche in presenza sono state sospese i nostri studenti e le nostre studentesse si sono cimentati in una singolare competizione il cui obiettivo era quello di coniugare l’esigenza naturale di movimento (cercando occasioni nei diversi momenti della giornata di staccarsi dalla sedentaria routine e dalla noia dello stare in casa) con le pesanti, ma sacrosante, limitazioni agli spostamenti imposte, per un periodo molto lungo, da norme e regole il cui obiettivo era quello di preservare la salute dei cittadini contenendo la diffusione del Coronavirus.

Si è pensato di farlo con l’attività più semplice di questo mondo ovvero il camminare ed ecco che così è nata l’idea di unire le forze dei componenti di ciascuna classe per un fine comune che è stato quello di muoversi il più possibile e laddove era possibile farlo (in casa, in cortile in giardino...) contando e registrando i passi giornalieri che ciascuno riusciva a fare e dando quindi un personale contributo alla somma dei passi complessivi della classe. L’adesione è stata massiccia (una cinquantina le classi coinvolte con una movimentazione quindi di un migliaio di studenti e studentesse) ed è andata al di là di ogni più rosea previsione. Inoltre, e questo bisogna sottolinearlo, tutti quelli che si sono cimentati lo hanno fatto con entusiasmo, impegno, dedizione e rispetto per le regole dando prova di avere compreso appieno il senso della iniziativa. Nello stesso periodo è stata lanciata anche la sfida tra docenti cui hanno aderito, oltre al Dirigente Stefano Stefanel,
25 insegnanti di diverse discipline, che contapassi alla mano, hanno dato vita anche loro ad una simpatica e stimolante competizione rappresentando un esempio concreto di partecipazione attiva alla vita scolastica, di condivisione e promozione del benessere in un periodo molto particolare durante il quale la salute pubblica è stata messa a dura prova.

Per dare l’idea della portata di quello che è stato fatto basti pensare che, calcoli alla mano, sono stati percorsi la bellezza di 121.862.253 passi equivalenti approssimativamente a circa 83.000 km una cosa incredibile se pensiamo che
corrispondono ad oltre il doppio della lunghezza dell'equatore!!! 

Alla fine, nelle tre categorie previste per gli studenti, l’hanno spuntata la classe 1H per la categoria primo biennio, la classe 4C nella categoria secondo biennio e la classe 5F nella categoria classi quinte (come si evince dalle classifiche sotto riportate). Nella categoria “Senior Docenti” invece predominio assoluto del prof. Lucio Bergomas in fuga solitaria dal primo momento e sino alla fine, tallonato dalla sorprendente quanto stoica prof. Fiammetta Bonsignore. Ultimo gradino del podio per il prof. Francescut accreditato inizialmente come uno dei papabili alla vittoria finale.

Onore e merito ai vincitori dunque ma applausi e lodi per tutti i partecipanti che si sono messi in gioco in un momento molto particolare della nostra storia dimostrando che anche la scuola ha un cuore che pulsa...sempre. Una sfida che probabilmente rimarrà negli annali del Liceo Marinelli. Anche questo è un modo di fare scuola ...ed anche questa è una scuola che ci piace. Insieme si può ed insieme, come sempre, si possono fare tante cose. Dopo aver ringraziato quanti hanno contribuito al successo di questa iniziativa realizzando ciò che inizialmente sembrava impossibile poter realizzare vorrei che questo articolo si concludesse con il pensiero espresso dalla collega prof. Emanuela Toninato che, commentando la fine del percorso, ha colto l’essenza del tutto con queste belle e sentite parole.

“Siamo stati tutti pellegrini, in questo cammino, anche con la mente, quando il fisico era meno presente. Mi sono sentita parte di una comunità. Ringrazio i compagni di viaggio, ma soprattutto coloro che hanno reso questa esperienza possibile";

Ecco le 4 classifiche (3 relative alle diverse categorie di studenti e una relativa ai docenti).

Destinatari: 
Docenti
Famiglie
Personale ATA
Studenti