Skip to content Skip to navigation

Il Marinelli e il pianeta

Versione stampabilePDF version

L’impegno degli studenti del Liceo Marinelli nel collaborare alla riuscita delle manifestazioni sulla salute del pianeta, minato in maniera evidente da comportamenti pubblici e privati di tutte le popolazioni del mondo, incontra il plauso mio, ma - credo di poter tranquillamente dire - anche di tutto il corpo docente e di tutto il personale della scuola. La partecipazione alla manifestazione è certamente giustificata, non tanto in ottemperanza alla richiesta del Ministro, quanto proprio nell’ambito di un’attenzione del Liceo Marinelli al non formale e all’informale quando questi hanno un valore formativo, educativo e civico. L’attenzione degli studenti per un obiettivo fortemente impattante sull’opinione pubblica mondiale è contemporaneamente anche un’attenzione dell’istituzione.

            Tutti dobbiamo diventare più virtuosi e mi è chiaro come sia molto più facile manifestare per la pulizia dell’Antartide o dei fiumi asiatici che per quella del cortile del Liceo Marinelli. Deve però diventare un obiettivo di tutto il Marinelli far sì che la partecipazione alla mobilitazione mondiale mostri un senso di appartenenza al pianeta, all’ecologia, alla lotta agli sprechi e all’inquinamento che parta dai nostri atti immediati. E dunque da una raccolta differenziata fatta con modalità efficienti ed ordinate (niente plastica sporca o carta unta nei cassonetti, niente plastica nella carta o carta nella plastica, niente luci lasciate accese quando si esce da un locale, niente cartacce e immondizie lasciate per terra e non inserite nei cestini).

            Certamente l’inquinamento e la sporcizia di parti del mondo un tempo incontaminato devono indignare. Ma dovrebbe indignare anche il cortile del Marinelli sporco. Se quindi ci indigna di questo (e siamo disponibili ad andare là a pulire anche se non abbiamo sporcato noi)…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

…dovremmo indignarci anche di questo, anche se non abbiamo buttato le carte in terra noi.

           

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Complimenti agli studenti del Marinelli per l’impegno, adesso rimbocchiamoci le mani per mantenere il nostro ambiente scolastico come un punto del pianeta che vale l’Antartide. (Stefano Stefanel, 28 settembre 2019)

Destinatari: 
Docenti
Famiglie
Personale ATA
Studenti